• Obbligazioni mercati emergenti

    Ricalibratura del portafoglio: colmare il divario dell’high yield

    Fran Rodilosso, CFA, Head of Fixed Income ETF Portfolio Management
    06 marzo 2019
     

    Gli investitori che integrano le obbligazioni societarie dei mercati emergenti nei propri portafogli obbligazionari potrebbero esporsi a una crescita tendenziale di lungo termine favorevole in tali mercati. Potrebbero anche realizzare utili interessanti e aumentare la diversificazione di un portafoglio di obbligazioni societarie. In chiave di strutturazione del portafoglio, siamo del parere che privilegiare il segmento high yield di questo mercato possa rappresentare un’opzione migliore rispetto a un’esposizione generalizzata costituita da titoli investment grade e high yield.

    Un esame dei benchmark delle obbligazioni societarie

    Le obbligazioni dei mercati emergenti con rating “investment grade”, denominate in dollari statunitensi ed emesse sul mercato americano, di norma possono essere incluse nei benchmark generali delle obbligazioni societarie USA, purché soddisfino anche altri criteri dell’indice, ad esempio un livello minimo di circolante. Di conseguenza, il 35% del benchmark delle obbligazioni societarie dei mercati emergenti è incluso anche nell’omologo benchmark statunitense.1Gli investitori potrebbero essere esposti a determinati emittenti dei mercati emergenti in misura superiore a quella desiderata e potrebbero lasciarsi sfuggire i vantaggi offerti dalle obbligazioni high yield di quei mercati.

    Al contrario dei titoli investment grade, le obbligazioni societarie high yield dei mercati emergenti non possono essere incluse in un indice high yield statunitense generale come l’ICE BofAML US High Yield Index. Di conseguenza, non vi è praticamente alcuna sovrapposizione tra gli emittenti dei singoli titoli.2 In termini di diversificazione, questo si traduce in una minore correlazione con le obbligazioni societarie investment grade statunitensi e con le obbligazioni core rispetto alle obbligazioni societarie dei mercati emergenti.3 Inoltre, l’esposizione a obbligazioni high yield dei mercati emergenti, anziché a titoli di ogni rating, ha assicurato un rendimento maggiore con un rischio di tasso di interesse inferiore.

    Migliorare un portafoglio di obbligazioni societarie

    Yield to Worst and Duration for Emerging Markets Corporate vs Emerging Markets High Yield Allocation

    Fonte: ICE Data Services. Dati al 31 gennaio 2019.

    Ottimizzazione delle esposizioni di portafoglio

    Un indice tipicamente replica le convenzioni di mercato e la condotta degli investitori, ma può avere ripercussioni inaspettate e sorprendenti sulle esposizioni di portafoglio. Poiché non vi è praticamente alcuna sovrapposizione con i benchmark delle obbligazioni societarie high yield statunitensi e poiché gli investitori potrebbero già essere esposti a titoli societari investment grade dei mercati emergenti attraverso una posizione in obbligazioni societarie statunitensi, riteniamo che le obbligazioni societarie high yield dei mercati emergenti offrano agli investitori una ricalibrazione migliore per realizzare i rendimenti desiderati.

    INFORMATIVA E DEFINIZIONI IMPORTANTI

    1Fonte: ICE Data Indices al 31 gennaio 2019. Rappresenta la porzione dell’ICE BofAML Emerging Markets Corporate Plus Index inclusa nell’ICE BofAML US Corporate Index.

    2Fonte: ICE Data Indices al 31 gennaio 2019. Rappresenta la porzione dell’ICE BofAML Diversified High Yield US Emerging Markets Corporate Plus Index inclusa nell’ICE BofAML US High Yield Index.

    3Fonte: Morningstar al 31 gennaio 2019 in base alla correlazione dei rendimenti mensili su 5 anni dell’ICE BofAML Diversified High Yield US Emerging Markets Corporate Plus Index e ICE BofAML Emerging Markets Corporate Plus Index con l’ICE BofAML US Corporate Index e Bloomberg Barclays U.S. Aggregate Bond Index.


  • Informazioni importanti

    Esclusivamente per scopi informativi e pubblicitari.

    Il presente commento di VanEck Investments Ltd, una Management Company Ucits costituita sotto la normativa irlandese e regolamentata dalla Banca Centrale Irlandese, e da VanEck Asset Management B.V., una Management Company Ucits costituita sotto la normativa olandese e regolamentata dalla Netherlands Authority for the Financial Markets, ha il solo intento di fornire agli investitori informazioni generiche e preliminari e non deve essere pertanto interpretato come una consulenza d'investimento, legale o fiscale. VanEck Investments Ltd, VanEck Asset Management B.V. e le relative consociate e affiliate (congiuntamente "VanEck") non si assumono alcuna responsabilità in merito a decisioni di investimento, disinvestimento o conservazione assunte dall'investitore in base al presente commento. Le opinioni e i pareri espressi sono quelli degli autori, ma non necessariamente corrispondono a quelli di VanEck. Le opinioni sono aggiornate alla data di pubblicazione del commento e soggette a modifiche in base alle condizioni del mercato. Alcune dichiarazioni contenute nel presente documento possono costituire proiezioni, previsioni e altre dichiarazioni previsionali, che non riflettono i risultati effettivi. Le informazioni fornite da fonti terze sono ritenute affidabili e non sono state sottoposte a verifica indipendente per accertarne l'accuratezza o la completezza, pertanto non possono essere garantite. Tutti gli indici menzionati sono studiati per misurare i settori e le performance di mercato comuni. Non è possibile investire direttamente in un indice.

    Tutte le informazioni sulle performance sono storiche e non costituiscono garanzia di risultati futuri. L'investimento espone a rischi, compresa l'eventuale perdita di capitale. È necessario leggere il Prospetto e le informazioni chiave per gli investitori (KIID) prima di investire in un fondo.

    Nessuna parte di questo materiale può essere riprodotta in alcuna forma né citata in un'altra pubblicazione senza l'esplicita autorizzazione scritta di VanEck.

    © VanEck Investments Ltd / VanEck Asset Management B.V.