Perché lo yuan cinese si distingue tra le valute dei mercati emergenti

16 novembre 2020

 

Il mese scorso abbiamo scritto del sull'interessante premio di rendimento attualmente offerto dalle obbligazioni cinesi onshore rispetto ai titoli a reddito fisso degli Stati Uniti e dei mercati sviluppati. Una dinamica particolarmente sorprendente alla luce dei diversi fattori positivi fondamentali e tecnici che caratterizzano questa asset class. Come molti investimenti non denominati in dollari statunitensi, in particolare nei mercati emergenti, gli investitori devono tener conto non solo del livello di rendimento, ma anche del potenziale di apprezzamento o deprezzamento della valuta. Storicamente le obbligazioni dei mercati emergenti in valuta locale hanno fornito diverse opportunità tattiche per sfruttare i periodi di debolezza del dollaro statunitense negli ultimi cinque anni, ma i movimenti valutari complessivi hanno penalizzato il ritorno totale. Siamo comunque convinti che lo yuan cinese (CNY) non debba essere incluso nell'ampia categoria delle valute emergenti (EMFX) e che abbia diverse caratteristiche che lo distinguono, rendendo potenzialmente interessante l'esposizione per gli investitori obbligazionari globali, anche quelli diffidenti nei confronti della volatilità delle EMFX. Queste caratteristiche possono anche aiutare le obbligazioni cinesi onshore a migliorare il profilo rischio-ritorno degli investimenti sul debito dei mercati emergenti in valuta locale.

Diverso andamento del CNY rispetto al paniere più ampio delle EMFX

Diverso andamento del CNY rispetto al paniere più ampio delle EMFX

Fonte: J.P. Morgan e VanEck, dati al 26/10/2020. L'ampio paniere delle valute emergenti è rappresentato dal ritorno in valuta estera dell'indice J.P. Morgan GBI-EM Global Diversified.

Il grafico sopra mostra che lo yuan è stato meno volatile e ha avuto una maggiore tenuta rispetto al paniere di valute che offre un'ampia esposizione ai mercati emergenti. In effetti, la correlazione tra yuan e questo paniere è stata storicamente bassa, solo del 20%.Il valore dello yuan è stabilito tramite un tasso gestito, ancorato a un paniere di valute, e può oscillare solo all'interno di una banda ristretta su base giornaliera. Tale meccanismo ha ridotto la volatilità della valuta, ma nel più lungo termine il suo valore dovrebbe in genere rispecchiare i fondamentali. Anche con la recente eliminazione del meccanismo di "aggiustamento anticiclico", sono molti i fattori che a nostro avviso sostengono lo yuan nel lungo periodo.

La crescita economica forte e resiliente, soprattutto quest'anno, è stata uno dei fattori determinanti della forza dello yuan rispetto al dollaro statunitense, in contrasto con la debolezza sperimentata da altri mercati emergenti più vulnerabili. Più in generale, la dimensione enorme dell'economia cinese e il suo ruolo guida della crescita globale la distinguono dagli altri mercati emergenti. Sebbene nessuna valuta possa avere lo stesso peso del dollaro statunitense nell'economia globale, lo yuan sta acquisendo sempre maggiore importanza. Attualmente rappresenta circa il 2% delle attività di riserva in valuta estera e secondo Morgan Stanley dovrebbe arrivare al 10% entro il 2030. Ciò lo renderà la terza maggiore valuta di riserva, dopo il dollaro statunitense e l'euro. Mentre la Cina continua la propria trasformazione in un'economia più orientata ai consumi e meno dipendente dalle esportazioni a basso valore aggiunto, le autorità hanno confermato la graduale apertura dei mercati onshore agli investimenti esteri. Il peso della Cina negli indici obbligazionari e azionari globali continua ad aumentare e i flussi di capitale degli investitori esteri potrebbero favorire ulteriormente lo yuan. Si noti che nel grafico precedente, nonostante il miglioramento dei fattori fondamentali e tecnici, la valuta è ancora del 5% più debole nei confronti del dollaro statunitense rispetto a solo due anni e mezzo fa.

Nell'ambito di un portafoglio o di un indice di obbligazioni dei mercati emergenti in valuta locale, il peso crescente dei titoli onshore cinesi potrebbe fungere da stabilizzatore quando in futuro il biglietto verde si rafforzerà. Grazie a una volatilità più che dimezzata e a una bassa correlazione con il più ampio universo delle valute emergenti, l'esposizione in yuan può fornire preziosi vantaggi di diversificazione e una relativa stabilità all'interno di un portafoglio, pur continuando a offrire un interessante premio di rendimento.

Fonte: Bloomberg. Dati del 31/10/2020.

Informazioni importanti

Esclusivamente per scopi informativi e pubblicitari.

Queste informazioni sono redatte da VanEck (Europe) GmbH che è stata nominata distributore dei prodotti VanEck in Europa dalla Società di gestione VanEck Asset Management B.V., costituita ai sensi della legge olandese e registrata presso l'Authority for the Financial Markets (AFM) dei Paesi Bassi. VanEck (Europe) GmbH con sede legale in Kreuznacher Str. 30, 60486 Francoforte, Germania, è un fornitore di servizi finanziari regolamentato dall'Ente federale tedesco di vigilanza dei servizi finanziari (BaFin). Le informazioni contenute in questo commento hanno l'unico scopo di offrire agli investitori indicazioni generiche e preliminari e non costituiscono in alcun modo consulenza d'investimento, legale o fiscale. VanEck (Europe) GmbH e le sue affiliate (congiuntamente "VanEck") declinano ogni responsabilità relativamente decisioni d'investimento, disinvestimento o di mantenimento delle posizioni assunta dall'investitore sulla base di queste informazioni. Le opinioni e i pareri espressi sono quelli degli autori, ma non corrispondono necessariamente a quelli di VanEck. Le opinioni sono aggiornate alla data di pubblicazione e soggette a modifiche in base alle condizioni del mercato. Alcune dichiarazioni contenute nel presente documento possono costituire proiezioni, previsioni e altre indicazioni prospettiche che non riflettono i risultati effettivi. Le informazioni fornite da fonti terze sono ritenute affidabili e non sono state sottoposte a verifica indipendente per accertarne l'accuratezza o la completezza, pertanto non possono essere garantite. Tutti gli indici menzionati sono studiati per misurare i settori e le performance di mercato comuni. Non è possibile investire direttamente in un indice.

Tutte le informazioni sulle performance sono storiche e non costituiscono garanzia di risultati futuri. L'investimento è soggetto a rischi, compreso quello di perdita del capitale. Prima di investire, è necessario leggere il Prospetto e il documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID).

Nessuna parte di questo materiale può essere riprodotta in alcuna forma né citata in un’altra pubblicazione senza l’esplicita autorizzazione scritta di VanEck.

© VanEck (Europe) GmbH