ETF Dividendi

Fai rendere i tuoi investimenti

Nell'attuale periodo di forte inflazione, l'investimento in dividendi può offrire un'ulteriore fonte di reddito regolare. L'ETF Dividendi di VanEck analizza le 100 società che pagano i maggiori dividendi a livello globale, selezionandole in base ai rendimenti da dividendi, alla resilienza e alla possibilità di crescita. Attenzione particolare è rivolta alla resilienza dei dividendi, privilegiando quelle società che hanno pagato dividendi regolarmente e i cui utili sembrano coprire facilmente i dividendi futuri.

Dividend ETF

VanEck Morningstar Developed Markets Dividend Leaders UCITS ETF

  • Reddito passivo da dividendi
  • Primi 100 titoli a livello mondiale selezionati in base al rendimento da dividendi
  • Selezionati in base alla resilienza dei dividendi
  • Diversificato tra settori e paesi
  • ETF con una storia comprovata
  • Screening incentrato su rischi ESG, violazioni del Patto mondiale delle Nazioni Unite e coinvolgimento del prodotto in attivitá controverse, sulla basedella ricerca di Sustanalytics
TDIV

Informazioni sull'ETF

Informazioni sull'ETF

Base-Ticker: TDIV
ISIN: NL0011683594
TER: 0,38%
AUM: €748,9 Mln (dati al 11-06-2024)
Classificazione SFDR: Articolo 8

Rischio più basso

Rendimento normalmente più basso

Rischio più elevato

Rendimento normalmente più elevato
1
2
3
4
5
6
7

Rischi dell'ETF Dividendi: È possibile perdere l'importo totale del proprio investimento a causa del rischio di cambio e del rischio del mercato azionario, come descritto nei Principali fattori di rischio, nel documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID) e nel prospetto.

L'ETF Dividendi come strumento per generare un reddito regolare

Come si può generare un reddito aggiuntivo in un'epoca di elevata inflazione?
Le azioni ad alto dividendo possono rappresentare una valida soluzione. Per gli investitori in titoli che generano reddito, l´ETF Dividendi di VanEck offre l'accesso a questa fonte di ricavi.

Quando una società quotata in borsa ottiene un profitto, può decidere di distribuire una parte degli utili agli azionisti come ricompensa. Questa ricompensa è chiamata dividendo in contanti.

I dividendi regolari in contanti vengono pagati in base a un calendario predefinito e l'importo può essere generalmente stimato utilizzando la politica dei dividendi della società. In caso di risultati finanziari eccellenti o di vari proventi da attività M&A (ad esempio, la vendita di una società affiliata con un profitto), la società può decidere di premiare i propri azionisti distribuendo un dividendo speciale in contanti. Ulteriori approfondimenti sui dividendi sono disponibili qui.

Oltre ai pagamenti in contanti, la società può anche decidere di emettere la ricompensa sotto forma di dividendo azionario. Questo tipo di distribuzione è equivalente a quella in contanti, ma in alcune giurisdizioni non è necessario pagare imposte su tali proventi.

Su un periodo più lungo, i dividendi costituiscono una parte importante del ritorno totale. Ad esempio, la performance dello S&P 500 dopo il reinvestimento dei dividendi è pari al doppio del ritorno sul prezzo negli ultimi tre decenni. Il VanEck Dividend ETF paga il dividendo agli investitori invece di reinvestirlo nel fondo. Gli investitori possono scegliere di utilizzare i proventi per acquistare ulteriori quote dell'ETF.

Evoluzione dell'investimento di 100 USD in S&P 500

 

Fonte: VanEck

Storicamente, i titoli che pagano dividendi più elevati hanno registrato ritorni relativamente più alti (come si può vedere nel grafico sottostante). Per varie ragioni, riteniamo che il pagamento di dividendi elevati sia educativo per il management. Se una società ha un eccessivo flusso di cassa libero, i manager potrebbero essere tentati di perseguire progetti che distruggono valore o corrispondere emolumenti o benefit eccessivi.

Si presume inoltre che i dividendi siano uno dei fattori difensivi che hanno una buona performance nei periodi di instabilità macroeconomica.

Performance dei portafogli in base ai loro dividendi

La performance passata non è un indicatore affidabile della performance futura. Ciò vale anche per i dati storici di mercato

Fonte: analisi VanEck utilizzando i dati di Kenneth French (https://mba.tuck.dartmouth.edu/pages/faculty/ken.french/data_library.html). I portafogli sono divisi in base ai rendimenti dei dividendi e includono tutti i titoli NYSE, AMEX e NASDAQ. I rendimenti mensili vengono utilizzati per calcolare i dati annualizzati per i 50 anni che terminano a novembre 2022. Per calcolare la performance viene utilizzata una media geometrica.

Il record di successo del nostro ETF Dividendi per fornire reddito

Per gli investitori interessati a ricevere pagamenti di dividendi, il VanEck Dividend ETF ha generato un rendimento da dividendi più elevato rispetto ai benchmark che replicano i mercati sviluppati con profili di rischio simili, come l'MSCI World.

Fonte: VanEck. Per calcolare i dati, il dividendo dell'intero anno per ETF è stato diviso per il prezzo di fine anno per ETF. Il grafico non rappresenta il ritorno totale della strategia, poiché è composto da plusvalenze e distribuzioni di dividendi. I potenziali guadagni derivanti dalla distribuzione dei dividendi possono essere compensati dalla performance dei prezzi. I numeri rappresentano i dividendi lordi, nell'ipotesi che non vengano applicate le ritenute fiscali. L'MSCI World è un indice e viene qui utilizzato esclusivamente a scopo di benchmarking. Non è possibile investire in un indice.

I risultati passati non costituiscono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Dati del 14/05/2024.

Perché utilizzare l'ETF Dividendi di VanEck?

Gli investitori europei possono scegliere tra circa 15 ETF con elevati dividendi, alcuni dei quali si concentrano sulla selezione di società con i rendimenti da dividendi più elevati, mentre altri privilegiano la crescita dei dividendi. In VanEck siamo convinti che la combinazione di entrambe le strategie possa generare le migliori performance per gli investitori. Pertanto, il nostro ETF Dividendi filtra i rendimenti e la crescita dei dividendi per offrire un flusso di reddito elevato e in costante crescita. Tuttavia, è importante notare che l'investimento in azioni comporta un rischio e in genere raccomandiamo di investire a lungo termine, idealmente per oltre cinque anni, per contribuire a mitigare tale rischio.

Potenziale fonte di reddito più elevato

L'ETF Dividendi sfrutta i vantaggi degli ETF, come la facilità di trading e i costi ridotti, per offrire un reddito regolare. Identifichiamo società che pagano dividendi di alta qualità a livello globale e diversifichiamo su di esse per limitare il rischio. L'ETF trasferisce i dividendi ricevuti dai suoi investimenti. In genere, questo avviene quattro volte all'anno. Il dividendo, tuttavia, non è garantito. Nel caso in cui i dividendi percepiti siano troppo esigui, è possibile saltare una o più distribuzioni.

L'ETF segue l'indice Morningstar

Il VanEck Morningstar Developed Market Dividend Leaders ETF replica un indice di azioni globali con elevati rendimenti da dividendi. È sviluppato da Morningstar, una delle principali società di ricerca sui mercati a livello mondiale, i cui parametri sono:

Reliable history

Per ogni azione è stato pagato un dividendo negli ultimi 12 mesi. Nel fondo devono entrare solo pagatori di dividendi comprovati che rispettano i propri impegni e le politiche in materia di dividendi.

Resilience

Meno del 75% degli utili previsti deve essere pagato in dividendi. I dividendi consistenti non garantiscono un livello di remunerazione analogo in futuro. Al contrario, ciò potrebbe danneggiare la potenziale crescita a lungo termine e il futuro complessivo dell'azienda. Un rendimento da dividendi elevato non è assolutamente un indicatore di salute finanziaria.

Global top 100

L'indice seleziona i 100 titoli con i rendimenti da dividendi più elevati e li pondera in base ai dividendi assoluti. Si tratta di un altro meccanismo per mitigare il rischio e sfuggire alla "trappola dei rendimenti", poiché alcuni rendimenti da dividendi sono troppo belli per essere veri. Un rendimento da dividendi consistente può derivare, tra le altre cose, da una politica sui dividendi insostenibile o da un improvviso calo dei prezzi. Entrambe le opzioni possono indicare una difficoltà finanziaria.

Maximum weightings

Le ponderazioni massime del 40% in qualsiasi settore e del 5% in un singolo titolo garantiscono un'elevata diversificazione del portafoglio. Inoltre, la diversificazione geografica funge da strato di protezione.

L'ETF Dividendi di VanEck ha generato ottimi ritorni

Prime 10 posizioni

Posizione Quote % di patrimonio
netto
Verizon Communications Inc 978387 4,92
Pfizer Inc 1281632 4,49
Totalenergies Se 494647 4,40
Bhp Group Ltd 1156756 4,18
Hsbc Holdings Plc 3833796 4,15
International Business Machines Corp 174611 3,56
Mercedes-Benz Group Ag 312043 2,75
Sanofi Sa/France 219780 2,62
Rio Tinto Plc 292000 2,49
Bristol-Myers Squibb Co 430361 2,16
Totale top 10 (%) 35,72

Documenti principali e collegamenti

Principali fattori di rischio dell´ETF dividendi

Icon

Poiché l'intero ETF o una parte di esso è investito in titoli denominati in valuta estera, l'esposizione ai cambi e alle loro variazioni di valore rispetto alla valuta di riferimento può generare ritorni inferiori per il Fondo e il valore di alcune valute estere potrebbe subire forti oscillazioni.

Icon

I prezzi dei titoli inclusi in un ETF Dividendi sono soggetti ai rischi associati all'investimento nel mercato azionario, incluse le condizioni economiche generali e i cali di valore improvvisi e imprevedibili. Pertanto, un investimento nel fondo potrebbe comportare perdite economiche.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a VanEck: