Gli investitori seguiranno le banche centrali investendo nell'oro?

14 febbraio 2023

Tempo di lettura 7 MIN

 

L'oro ha registrato un forte inizio dell'anno. Durante la maggior parte del 2022, il principale ostacolo per l'oro è stata la forza del dollaro statunitense. Tuttavia, a gennaio, le aspettative di un rallentamento del ritmo di rialzo dei tassi della Federal Reserve statunitense (Fed), unitamente alle crescenti preoccupazioni in merito alla crescita economica, hanno messo sotto pressione il dollaro americano, sostenendo l'oro. Con il crollo dei rendimenti dei treasury, l'oro si è impennato, superando i 1.900 dollari l'oncia il 13 gennaio. L'oro si è poi mantenuto su questi livelli, nonostante il mix di notizie economiche, raggiungendo tranquillamente un picco massimo di 1.949 dollari il 26 gennaio. Il 31 gennaio l'oro ha chiuso a 1.928 dollari, in rialzo del 5,7%, con una significativa variazione di 104 dollari l'oncia nel primo mese dell'anno.

Le azioni aurifere hanno dimostrato di essere una leva sull'oro. Nel corso del mese, l'NYSE Arca Gold Miners Index (GDMNTR)1 è salito dell'11,4% mentre l'MVIS Global Juniors Gold Miners Index (MVGDXJTR)2 del 9,3%. Nonostante i forti guadagni mensili, le azioni aurifere continuano a essere sottovalutate rispetto al metallo e prevediamo che quest'anno continueranno a sovraperformare. Lo scorso anno, l'inflazione dei costi ha colpito duramente le aziende estrattive aurifere, con un aumento dei costi totali di supporto di oltre il 10% nel 2022 rispetto al 2021. A febbraio, le aziende estrattive aurifere forniranno le indicazioni sulla produzione e sui costi per il 2023. Non saremmo sorpresi di vedere un aumento dei costi operativi anche nel 2023, tuttavia, con l'attenuarsi delle pressioni inflazionistiche, prevediamo che l'aumento su base annua sarà notevolmente inferiore a quello del 2022. Anche le spese in conto capitale, legate ai rinvii degli anni precedenti o alla sequenza delle miniere, potrebbero contribuire all'aumento dei costi totali di mantenimento nel 2023. L'aumento dei prezzi dell'oro di quest'anno potrebbe proteggere i margini delle aziende estrattive aurifere. L'attuale prezzo dell'oro, ad esempio, è superiore di circa 125 dollari l'oncia rispetto al prezzo medio dell'oro dello scorso anno, pari a 1.802 dollari l'oncia. Se sostenuti, questi aumenti di prezzo dell'oro supererebbero in modo significativo gli aumenti dei costi stimati nel 2023, portando a un'espansione dei margini e a valutazioni più elevate per le aziende estrattive aurifere.

Le banche centrali puntano sull'oro

Il World Gold Council ha pubblicato le statistiche sulla domanda di oro del 2022, stimando un ulteriore trimestre record in termini di acquisti di oro da parte delle banche centrali nel quarto trimestre. Gli acquisti netti delle banche centrali nel quarto trimestre sono stati pari a 417 tonnellate, portando il totale degli acquisti della seconda metà del 2022 a 862 tonnellate. Con 1.135 tonnellate, il 2022 è stato il secondo anno con il maggior volume di acquisti netti di oro da parte delle banche centrali dal 1950. Dal 2010 e per 13 anni consecutivi, le banche centrali sono state acquirenti netti di oro.

Secondo anno con il volume di acquisti netti delle banche centrali più alto dal 1950

Secondo anno con il volume di acquisti netti delle banche centrali più alto dal 1950

Fonte: World Gold Council. Dati aggiornati a gennaio 2023.

L'ultimo sondaggio sull'oro del World Gold Council rivela le principali ragioni alla base della decisione delle banche di acquistare oro: la sua performance in tempi di crisi, il suo ruolo di riserva di valore a lungo termine e la sua elevata liquidità. Natalia Gurushina, Chief Economist, Emerging Markets Fixed Income di VanEck, ha recentemente evidenziato nella sua nota mattutina un documento di ricerca dell'FMI sull'oro che è "troppo interessante per essere ignorato". Il rapporto dell'FMI dal titolo Gold as International Reserves: A Barbarous Relic No More?*, ribadisce che il recente impulso delle banche centrali ad acquistare oro deriva dall'attrattiva dell'oro come bene rifugio in periodi di volatilità economica, finanziaria e geopolitica. Si parla anche del suo ruolo di copertura contro l'inflazione, di diversificatore di portafoglio e del fatto che è favorito dalla consuetudine e dalla tradizione. La ricerca dell'FMI mostra inoltre che l'imposizione di sanzioni finanziarie (si pensi a quelle imposte alla Russia dopo l'invasione dell'Ucraina) da parte delle principali economie emittenti di riserve è correlata anche all'aumento della quota di riserve delle banche centrali detenute in oro.

Avevamo previsto che le banche centrali avrebbero osservato con attenzione l'esperienza della Russia in relazione alle sue riserve estere e che ciò avrebbe sostenuto gli acquisti delle banche centrali nel 2022. I dati effettivi hanno superato le nostre aspettative. Prevediamo che le banche centrali rimangano acquirenti netti di oro anche nel 2023 e oltre.

L'oro ha resistito meglio di quanto si potesse pensare

Recentemente abbiamo spiegato che si ha un'impressione generale che gli investitori debbano essere "spaventati" per acquistare oro: gli investitori sembrano infatti in gran parte non essere interessati all'oro finché le cose non si mettono male. L'anno scorso la situazione è diventata molto critica e le banche centrali ne hanno preso atto, per cui si può dire che anche loro si sono spaventate e hanno acquistato oro a livelli record. L'atteggiamento delle banche centrali nei confronti dell'oro potrebbe aprire la strada agli investitori in generale? L'esperienza comprovata su un periodo di 13 anni di acquisti netti consecutivi dimostra che, come gruppo, queste istituzioni non stanno cercando di "anticipare" il mercato dell'oro. Il loro impegno nei confronti dell'oro sembra essere a lungo termine e si basa sulle caratteristiche principali dell'oro come bene rifugio e diversificatore di portafoglio. Anche noi riteniamo che l'oro, anziché essere considerato un asset di ultima istanza, possa essere ritenuto una componente fondamentale e godere di un'allocazione permanente in qualsiasi portafoglio. Nel corso delle nostre attività, abbiamo riscontrato che molti investitori sono sorpresi dalla performance dell'oro nel tempo. L'oro, pur essendo senza dubbio una reliquia, non è poi così antiquato.

Negli ultimi 30 anni l'oro ha registrato una performance positiva su base relativa

L'oro e le aziende estrattive aurifere hanno registrato buone performance relative negli ultimi 30 anni.

Fonte: FMI, VanEck. Dati aggiornati a dicembre 2022. "Titoli globali" rappresentati dall'MSCI AC World Index GR3. "Obbligazioni globali" rappresentate dal Bloomberg Global Aggregate Bond Index TR4. "Materie prime" rappresentate dal Bloomberg Commodity Index TR5. "Liquidità statunitense" rappresentato dall'ICE BofA 3 Month U.S. Treasury Bill TR6.

La politica della Fed e i timori di recessione danno ulteriore sostegno all'oro

Con l'inizio del 2023, sembra che le preoccupazioni del mercato per la crescita economica, sia negli Stati Uniti che a livello globale, stiano iniziando a intensificarsi, fornendo sostegno ai prezzi dell'oro. I grandi problemi per l'oro nel 2022 sono stati la Fed e il dollaro americano. È lecito affermare che la Fed si sta probabilmente avvicinando alla fine del ciclo di rialzi e il mercato sta attualmente valutando solo altri due piccoli rialzi (25 punti base). Ciò è alimentato principalmente da un'inflazione apparentemente in calo e da una certa debolezza degli indicatori economici, che suggerisce che le politiche della Fed stiano iniziando ad avere effetto.

Abbiamo detto che l'oro può guadagnare molto prima di una pausa o di una svolta della Fed, poiché il mercato è sempre più sicuro che la fine del ciclo di rialzi si stia avvicinando. È ciò che stiamo osservando quest'anno: l'oro sale mentre il dollaro si indebolisce in previsione di una pausa. L'inversione della tendenza del dollaro forte del 2022 dovrebbe essere un importante motore per i prezzi dell'oro nel 2023. La riapertura della Cina sarà probabilmente un altro forte motore. L'oro può beneficiare di entrambi gli scenari: l'aumento della domanda da parte della Cina (il maggior consumatore di oro) a causa di una forte ripresa economica o l'aumento della domanda di investimenti rifugio se la ripresa è più graduale o più lenta, con un impatto sulla crescita globale. Sebbene una recessione economica appaia sempre più probabile, potrebbero essere necessarie varie altre condizioni prima di vedere gli investitori abbracciare senza esitazioni la sicurezza dell'oro. Tra questi, vi sono un mercato del lavoro significativamente più debole e un tasso di disoccupazione più elevato, un calo degli utili societari e una correzione più profonda dei mercati azionari e/o un'inflazione sostenuta al di sopra del tasso obiettivo della Fed. Tutte queste condizioni favoriscono l'oro.

Cosa succede quando la domanda di investimenti ritorna?

La mancanza di domanda d'investimento per l'oro è evidente se si osservano i movimenti della disponibilità di ETF globali sull'oro fisico. Esiste una forte correlazione positiva tra il prezzo dell'oro e le disponibilità degli ETF sull'oro. Tuttavia, dalla fine di ottobre il prezzo dell'oro è aumentato di 295 dollari l'oncia (18%), mentre le disponibilità degli ETF sono diminuite dell'1,7%.

Di recente, l'oro ha registrato buoni risultati senza alcuna domanda di investimento, che solitamente è un importante motore.

Di recente, l'oro ha registrato buoni risultati senza alcuna domanda di investimento, che solitamente è un importante motore.

Fonte: Bloomberg. Dati aggiornati a gennaio 2023.

Storicamente, è la domanda di investimenti a spingere il prezzo dell'oro verso l'alto, mentre altri centri di domanda (o di offerta, se è per questo) contribuiscono a fissare un livello minimo per il prezzo dell'oro. Riteniamo che questa recente forza del prezzo dell'oro, nonostante la mancanza di domanda di ETF, sia positiva per il mercato dell'oro, in quanto stabilisce un livello molto solido per l'oro, soprattutto per le aziende estrattive aurifere. Le banche centrali stanno colmando il vuoto del mercato dell'oro lasciato da altri investitori? Diventeranno anch'essi un motore più influente dei prezzi dell'oro, dato che continuano ad accumulare oro in modo più attivo? Sebbene gli afflussi di ETF siano ancora scarsi, una ripresa della domanda di investimenti dovrebbe intensificare la ripresa dell'oro. Vediamo il potenziale per l'oro di raggiungere i massimi storici di oltre 2.000 dollari l'oncia nel 2023.

Informazioni importanti

* https://www.imf.org/-/media/Files/Publications/WP/2023/English/wpiea2023014-print-pdf.ashx

Salvo ove diversamente indicato, tutte le ponderazioni societarie, settoriali e subsettoriali sono aggiornate al 31 gennaio 2023.

1L'NYSE Arca Gold Miners Index è un marchio di servizio di ICE Data Indices, LLC o delle sue affiliate ("ICE Data") ed è utilizzato su licenza concessa da VanEck UCITS ETF plc. (il "Fondo") in relazione al VanEck Gold Miners UCITS ETF (il "Comparto"). Né il Fondo né il Comparto sono sponsorizzati, sostenuti, venduti o promossi da ICE Data. ICE Data non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito al Fondo o al Comparto o alla capacità del NYSE Arca Gold Miners Index di replicare la performance del mercato azionario in generale. ICE DATA NON RILASCIA ALCUNA DICHIARAZIONE ESPLICITA O IMPLICITA E DISCONOSCE ESPRESSAMENTE TUTTE LE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ A SCOPI SPECIFICI IN RELAZIONE AL NYSE ARCA GOLD MINERS INDEX O AI DATI QUIVI CONTENUTI. IN NESSUNA CIRCOSTANZA ICE DATA SARÀ RESPONSABILE DI EVENTUALI DANNI SPECIALI, PUNITIVI, INDIRETTI O CONSEGUENTI (COMPRESI I DANNI PER LUCRO CESSANTE) ANCHE QUALORA SIA AL CORRENTE DI TALE EVENTUALE SOPRAVVENIENZA. Gli indici e le relative informazioni di ICE Data Indices, LLC e delle sue affiliate (“ICE Data”) così come la denominazione "ICE Data" e i relativi marchi di fabbrica sono proprietà intellettuale concessa in licenza da ICE Data e non possono essere copiati, utilizzati o distribuiti senza previo consenso scritto di lCE Data. Il Fondo non è stato valutato in merito alla sua legalità o idoneità e non è regolamentato, emesso, approvato, venduto, garantito o promosso da ICE Data. 2L'MVIS® Global Junior Gold Miners Index è di proprietà esclusiva di MarketVector Indexes GmbH (una società interamente controllata da Van Eck Associates Corporation), che ha stipulato un contratto con Solactive AG per la gestione e il calcolo dell'indice. Solactive AG si adopera per garantire che l'Indice sia calcolato correttamente. Indipendentemente dai propri obblighi nei confronti di MarketVector Indexes GmbH (“MarketVector”), Solactive AG non è tenuta a far rilevare a terze parti eventuali errori dell’Indice. Il VanEck Junior Gold Miners UCITS ETF non è sponsorizzato, appoggiato, venduto o promosso da MarketVector e MarketVector non rilascia alcuna dichiarazione in merito all'affidabilità o meno degli investimenti effettuati nel Fondo. 3L'MSCI AC World Index replica la rappresentazione delle aziende a elevata e bassa capitalizzazione nei paesi dei mercati sviluppati ed emergenti. L'Indice copre circa l'85% dell'insieme di opportunità azionarie investibili a livello globale. 4Il Bloomberg Global Aggregate Bond Index è un indicatore di riferimento del debito globale investment grade proveniente da una moltitudine di mercati in valuta locale. Questo benchmark multivaluta include obbligazioni a tasso fisso del tesoro, governative, societarie e cartolarizzate di emittenti dei mercati sviluppati ed emergenti. 5Il Bloomberg Commodity Index è concepito come benchmark diversificato e altamente liquido per le materie prime come asset class. Il Bloomberg Commodity Index è composto da contratti future su 20 materie prime fisiche. 6L'ICE BofA 3 Month U.S. Treasury Index misura la performance di una singola emissione di buoni del tesoro in circolazione con scadenza prossima, ma non superiore a tre mesi dalla data di ribilanciamento. L'emissione viene acquistata all'inizio del mese e conservata per un mese intero; alla fine del mese l'emissione viene venduta e incorporata in una nuova emissione selezionata.

Informazioni importanti

Esclusivamente per scopi informativi e pubblicitari.

Queste informazioni sono redatte da VanEck (Europe) GmbH che è stata nominata distributore dei prodotti VanEck in Europa dalla Società di gestione VanEck Asset Management B.V., costituita ai sensi della legge olandese e registrata presso l'Authority for the Financial Markets (AFM) dei Paesi Bassi. VanEck (Europe) GmbH con sede legale in Kreuznacher Str. 30, 60486 Francoforte, Germania, è un fornitore di servizi finanziari regolamentato dall'Ente federale tedesco di vigilanza dei servizi finanziari (BaFin). Le informazioni contenute in questo commento hanno l'unico scopo di offrire agli investitori indicazioni generiche e preliminari e non costituiscono in alcun modo consulenza d'investimento, legale o fiscale. VanEck (Europe) GmbH e le sue affiliate (congiuntamente "VanEck") declinano ogni responsabilità relativamente decisioni d'investimento, disinvestimento o di mantenimento delle posizioni assunta dall'investitore sulla base di queste informazioni. Le opinioni e i pareri espressi sono quelli degli autori, ma non corrispondono necessariamente a quelli di VanEck. Le opinioni sono aggiornate alla data di pubblicazione e soggette a modifiche in base alle condizioni del mercato. Alcune dichiarazioni contenute nel presente documento possono costituire proiezioni, previsioni e altre indicazioni prospettiche che non riflettono i risultati effettivi. Le informazioni fornite da fonti terze sono ritenute affidabili e non sono state sottoposte a verifica indipendente per accertarne l'accuratezza o la completezza, pertanto non possono essere garantite. Tutti gli indici menzionati sono studiati per misurare i settori e le performance di mercato comuni. Non è possibile investire direttamente in un indice.

Tutte le informazioni sulle performance sono storiche e non costituiscono garanzia di risultati futuri. L'investimento è soggetto a rischi, compreso quello di perdita del capitale. Prima di investire, è necessario leggere il Prospetto e il documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID).

Nessuna parte di questo materiale può essere riprodotta in alcuna forma né citata in un’altra pubblicazione senza l’esplicita autorizzazione scritta di VanEck.

© VanEck (Europe) GmbH