Web3

Cos'è il Web3?

La prossima generazione di tecnologia Internet, denominata Web 3.0 o Web3, utilizza principalmente l'apprendimento automatico, l'intelligenza artificiale (AI) e la tecnologia blockchain. Il nome è stato coniato da Gavin Wood, creatore di Polkadot e cofondatore di Ethereum. A differenza del Web2, che si concentra sui contenuti generati dagli utenti e ospitati su siti Web centralizzati, il Web3 offrirà ai consumatori una maggiore autonomia sui propri dati online.

Il suo scopo è sviluppare siti Web e applicazioni online aperti, interconnessi e intelligenti, con una migliore comprensione dei dati da parte delle macchine. La decentralizzazione e le economie digitali sono componenti cruciali del Web3, poiché ci consentono di assegnare un valore alle informazioni online. È inoltre fondamentale rendersi conto che il Web3 è un'idea dinamica. Non ne esiste una definizione univoca e il suo significato esatto può variare da persona a persona.

Con l'aiuto dell'intelligenza artificiale e di algoritmi di apprendimento automatico all'avanguardia, il Web3 cerca di fornire più rapidamente informazioni personalizzate e pertinenti. Le macchine saranno in grado di comprendere e consigliare materiale in modo intuitivo grazie al miglioramento degli algoritmi di ricerca e ai progressi nell'analisi di Big Data. Inoltre, il Web3 si concentrerà sui contenuti di proprietà degli utenti e sul sostegno ai mercati digitali aperti.

Oggi i siti Web presentano tipicamente dati statici o contenuti generati dagli utenti, come i forum o i social media. Questo permette di inviare i dati in modo capillare, ma non risponde alle esigenze di particolari consumatori. Un sito Web dovrebbe personalizzare le informazioni che offre a ciascun utente, proprio come la fluidità della comunicazione interpersonale nel mondo reale. Con il Web2, gli utenti non possiedono né gestiscono più queste informazioni una volta che sono online.

Il creatore del World Wide Web e l'informatico Tim Berners-Lee sono entrambi figure significative del movimento Web3. Nel 1999, condivise la sua visione del futuro del Web:

"Ho un sogno per il Web [in cui i computer] diventano capaci di analizzare tutti i dati presenti sul Web: i contenuti, i collegamenti e le transazioni tra persone e computer. Un "Web semantico" che renda possibile tutto questo deve ancora essere inventato, ma quando esisterà, i meccanismi quotidiani del commercio, della burocrazia e della nostra vita quotidiana saranno gestiti da macchine che parlano alle macchine".

Da allora, il messaggio di Gavin Wood e quello di Berners-vision Lee si sono uniti. Qui i siti Web e le applicazioni avranno accesso a un vasto oceano di informazioni decentralizzate. Quando lavorano con utenti specifici, comprendono e utilizzano efficacemente tali dati.

La tecnologia, come Internet, è in continua evoluzione e innovazione. Abbiamo già scoperto Web1 e Web2 e molte discussioni riguardano il Web3 Gli utenti del Web1 hanno sperimentato un'esperienza statica, perché non erano in grado di costruire siti Web moderni e ricchi di contenuti. I social media e i siti Web dinamici del Web2 ci hanno avvicinato, a spese, tuttavia, della centralizzazione.

Il Web3 mira a offrirci il controllo sui contenuti a cui accediamo online e a costruire un Web semantico. Ciò implica che i computer non avranno problemi a elaborare e leggere i contenuti generati dagli utenti. La blockchain darà vita alla decentralizzazione, alle economie digitali aperte e alle identità digitali libere con portafogli di criptovalute.

La disponibilità di alternative 3D alla normale navigazione Web aumenterà il grado di immersività della nostra connessione a Internet. Tra gli ulteriori vantaggi per il consumatore vi sono una navigazione efficace, una pubblicità pertinente e un servizio clienti migliorato. Anche gli assistenti virtuali guidati dall'intelligenza artificiale come Siri e Alexa e le smart home interconnesse potrebbero far parte dell'ampia evoluzione dal Web2 verso il Web3.

Casi d'uso del Web3

Poiché gli intermediari non sono più coinvolti, i dati degli utenti non sono più sotto il loro controllo. Grazie a questa libertà, le possibilità di essere soggetti a censura aziendale o governativa sono minori e gli attacchi DoS hanno meno successo.

swipe

 

Web1

Web2

Web3

Contenuti

Interazione passiva per l'utente

Piattaforme comunitarie e contenuti generati dagli utenti

Proprietà dell'utente per i creatori di contenuti

Tecnologie

HTML

HTML dinamico, Javascript,

Blockchain, AI, apprendimento automatico

Ambienti virtuali

Nessuno

Utilizzo di base del 3D

3D, VR, AR

Pubblicità

Invadente (banner, ecc.)

Interattiva 

Mirata in base al comportamento dell'utente

Conservazione dei dati

Conservati sui server dei singoli siti Web

Di proprietà di grandi colossi tecnologici

Distribuiti tra gli utenti

Pubblico

Utenti individuali

Comunità specifiche di utenti 

Utenti interconnessi su più piattaforme e dispositivi

Come investire nel Web3?

Nel suo nucleo, Web3 è guidato da Intelligenza Artificiale, blockchain/ledger distribuiti, ambienti 3D/VR/AR. Uno dei modi migliori per partecipare allo sviluppo del Web3 è quello di investire nelle tecnologie sottostanti che lo rendono possibile. Per quanto riguarda la blockchain, ciò significa acquisire esposizione alle piattaforme di smart contract come Ethereum. VanEck offre un modo semplice e diversificato per investire in un'ampia selezione di piattaforme di smart contract che supportano il Web3.

Investire nell'infrastruttura del Web3

Navigazione in Crypto Academy

I vostri progressi in Academy 0% completato