I minatori d'oro si stanno preparando per una lunga battaglia (nonostante il vostro disinteresse)

20 marzo 2024

Tempo di lettura 5 MIN

L'oro ha registrato poche variazioni a febbraio; le azioni aurifere sono pronte a beneficiare del recente rialzo dei prezzi dell'oro.

Approfondimenti mensili sul mercato dell'oro e sull'economia da parte di Imaru Casanova, Portfolio Manager, con le sue opinioni sui vantaggi relativi al settore minerario e all'oro per il portafoglio.

Poco amore per l'oro (e ancor meno per i minatori)

L'oro è rimasto poco mosso a febbraio, chiudendo al di sotto dei 2.000 dollari l'oncia il 13 e il 14 febbraio prima di risalire e mantenersi al di sopra di questo livello per il resto del mese. Alla fine l'oro si è attestato a 2.044 dollari l'oncia il 29 febbraio, con un aumento dello 0,23% nel mese. Le letture dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) core e headline degli Stati Uniti per il mese di gennaio sono state superiori alle previsioni di consenso, posticipando la probabilità di un taglio dei tassi della Federal Reserve (Fed) statunitense più avanti nell'anno ed esercitando pressione sull'oro a metà mese. In seguito, l'oro ha trovato il sostegno per stabilire un prezzo medio di chiusura di 2.029 dollari l'oncia quest'anno, non male, considerando che, nello stesso periodo, il dollaro statunitense (misurato dall'indice DXY1) è salito del 2,8% e la domanda di investimento in oro fisico (misurata dalle partecipazioni in ETF garantiti dall'oro) è scesa del 3,7%.

Mentre il mese scorso l'oro fisico è stato apparentemente poco apprezzato, le azioni aurifere hanno avuto risultati deludenti. L'indice NYSE Arca Gold Miners (GDMNTR)2 e l'indice MVIS Global Juniors Gold Miners (MVGDXJTR)3 sono scesi rispettivamente del 6,10% e del 6,84% a febbraio, ampliando ulteriormente il già significativo divario di valutazione rispetto al metallo. I primi giorni di marzo hanno però portato un po' di sollievo agli investitori azionari in oro, con i titoli minerari auriferi che hanno nettamente superato l'oro fisico, mentre l'oro ha raggiunto nuovi massimi storici. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza alla regressione alla media che vede i titoli azionari dell'estrazione dell'oro mostrare ancora una volta la loro leva rispetto al prezzo dell'oro e sovraperformare l'oro fisico quando i prezzi dell'oro sono in aumento. A titolo di riferimento, GDMNTR dovrebbe più che raddoppiare rispetto ai livelli attuali per raggiungere il suo picco dell'agosto 2011, quindi sembra esserci ancora un discreto potenziale di fuga solo sulla base della performance storica.

I minatori d'oro stanno davvero dando il massimo

Il mese scorso abbiamo partecipato alla BMO Global Metals, Mining and Critical Minerals Conference. Abbiamo incontrato i dirigenti di oltre 40 aziende produttrici di oro e metalli preziosi. Questa conferenza offre un'ottima opportunità per tastare il polso al settore, individuare tendenze e temi, ricevere aggiornamenti dalle singole società e potenzialmente scoprire nuove idee di investimento. Ecco alcune delle nostre principali conclusioni:

  • Ubicazione, ubicazione, ubicazione - Non è un segreto che le società minerarie debbano affrontare molti rischi legati alle regioni in cui operano. Tuttavia, è importante (e necessario se si vuole investire nel settore) distinguere tra il rischio giurisdizionale più ampio e i rischi specifici delle operazioni minerarie. Abbiamo incontrato aziende con progetti in regioni/giurisdizioni considerate geopoliticamente rischiose – tra cui paesi come Perù, Ecuador, Guyana, Nicaragua, Papua Nuova Guinea ed Etiopia – ma con gestioni che sembrano godere di stabilità operativa in questi luoghi. La Costa d'Avorio e la Guinea sembrano essere considerate sacche di stabilità nella complessa regione dell'Africa occidentale. L'Africa occidentale, una giurisdizione difficile a causa del panorama geopolitico, continua a essere una delle regioni migliori per scoprire e sviluppare risorse aurifere dal punto di vista dell'esplorazione, dei permessi, della manodopera e dell'efficienza del capitale. Sebbene le aziende sembrino più caute riguardo ai cambiamenti e agli sviluppi in corso in Paesi come l'Argentina, la Colombia e il Messico, le prospettive generali per quanto riguarda la gestione delle miniere e gli investimenti sembrano essere ottimistiche.
  • Definire le aspettative - Le aziende sono ben consapevoli dell'importanza di raggiungere gli obiettivi annunciati. Abbiamo comunicato l'urgente necessità di sviluppare metodologie dettagliate che consentano alle aziende di farlo con successo, data la complessità e le numerose variabili coinvolte nella previsione dei costi di produzione, operativi e di capitale per operazioni e progetti. Le società con processi avanzati e conservativi per la definizione delle linee guida dovrebbero beneficiare dei multipli di valutazione significativamente più elevati che derivano dal raggiungimento o dal superamento delle aspettative.
  • Rifocalizzazione sul controllo dei costi - A seguito di un'ondata di inflazione che ha aumentato in modo significativo i costi operativi e di capitale negli ultimi due anni (per lo più al di fuori del controllo delle società minerarie), c'è una rinnovata attenzione per l'attuazione di iniziative di controllo e riduzione dei costi. Secondo quanto riferito, abbiamo anche sentito che l'inflazione da lavoro australiana si sta attenuando dopo 2 anni. Sembra che le pressioni inflazionistiche si siano attenuate e che, insieme agli sforzi delle aziende per ridurre i costi, i costi medi del settore dovrebbero rimanere intorno ai livelli attuali.
  • Il free cash flow abbonda - Sebbene l'aumento dei costi di produzione abbia messo sotto pressione i margini, agli attuali prezzi dell'oro le aziende stanno generando molta liquidità. Ad esempio, una delle nostre partecipazioni di medio livello, con una capitalizzazione di mercato di 1,5 miliardi di dollari, detiene oltre 640 milioni di dollari in contanti e zero debiti. La società paga un dividendo e sta cercando di effettuare acquisizioni per mettere a frutto la liquidità. Tuttavia, con un flusso di cassa operativo di oltre 400 milioni di dollari all'anno, l'azienda sembra destinata a continuare a costruire le proprie riserve finanziarie. Ciò è di buon auspicio per gli investitori alla ricerca di dividendi, in quanto le società si impegnano a stabilire dividendi di base sostenibili con la possibilità di dividendi bonus o speciali in caso di espansione del flusso di cassa libero.
  • Le acquisizioni comportano delle sfide - Sia a livello di asset che di società, l'integrazione di nuovi progetti e operazioni comporta rischi e sfide. Le società acquirenti devono fornire strategie aggiornate, piani di ristrutturazione, previsioni operative e finanziarie. Ciò aumenta i rischi per queste aziende e crea incertezza sui mercati. Le aziende devono essere in grado di gestire questi rischi nella loro ricerca di crescita e creazione di valore. Nel lungo periodo, le acquisizioni daranno i loro frutti ai team di gestione più forti. Tuttavia, nel breve termine, queste acquisizioni possono creare una pressione ribassista sulle loro azioni.

L'industria estrattiva dell'oro è senza dubbio un'attività molto impegnativa. Abbiamo trascorso la maggior parte del tempo alla conferenza discutendo con i dirigenti le loro strategie e il modo in cui stanno affrontando quelli che, secondo noi, sono i rischi maggiori per ogni società. Siamo incoraggiati a vedere le società minerarie aurifere concentrare i loro sforzi sulla riduzione del rischio delle loro attività, sulla riduzione dei costi, sul miglioramento dei rendimenti per gli azionisti e sull'obiettivo di una crescita disciplinata con la partecipazione, il sostegno e il beneficio dei Paesi e delle comunità ospitanti, in modo responsabile ed etico dal punto di vista ambientale.

Per ricevere maggiori Gold Investing informazioni, effettua la sottoscrizione nel nostro centro.

1 L'U.S. Dollar Index misura il valore del dollaro statunitense rispetto a un paniere di valute estere, spesso indicato come il paniere delle valute dei partner commerciali degli Stati Uniti.

2 Il NYSE Arca Gold Miners Index è un marchio di servizio di ICE Data Indices, LLC o delle sue affiliate ("ICE Data") ed è utilizzato su licenza concessa da VanEck UCITS ETF plc. (il "Fondo") in relazione al VanEck Gold Miners UCITS ETF (il "Comparto"). Né il Fondo né il Comparto sono sponsorizzati, sostenuti, venduti o promossi da ICE Data. ICE Data non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito al Fondo o al Comparto o alla capacità del NYSE Arca Gold Miners Index di replicare la performance del mercato azionario in generale. ICE DATA NON RILASCIA ALCUNA DICHIARAZIONE ESPLICITA O IMPLICITA E DISCONOSCE ESPRESSAMENTE TUTTE LE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ O IDONEITÀ A SCOPI SPECIFICI IN RELAZIONE AL NYSE ARCA GOLD MINERS INDEX O AI DATI QUIVI CONTENUTI. IN NESSUNA CIRCOSTANZA ICE DATA SARÀ RESPONSABILE DI EVENTUALI DANNI SPECIALI, PUNITIVI, INDIRETTI O CONSEGUENTI (COMPRESI I DANNI PER LUCRO CESSANTE) ANCHE QUALORA SIA AL CORRENTE DI TALE EVENTUALE SOPRAVVENIENZA. Gli indici e le relative informazioni di ICE Data Indices, LLC e delle sue affiliate (“ICE Data”) così come la denominazione "ICE Data" e i relativi marchi di fabbrica sono proprietà intellettuale concessa in licenza da ICE Data e non possono essere copiati, utilizzati o distribuiti senza previo consenso scritto di lCE Data. Il Fondo non ha trasferito alcuna prerogativa di legalità o idoneità e non è regolamentato, emesso, approvato, venduto, garantito o promosso da ICE Data.

3 L'MVIS®️ Global Junior Gold Miners Index (l'"Indice) è di proprietà esclusiva di MarketVector Indexes GmbH (una società controllata al 100% da VanEck Associates Corporation), che ha stipulato un accordo con Solactive AG per la gestione e il calcolo dell'Indice. Solactive AG si adopera per garantire che l'Indice sia calcolato correttamente. Indipendentemente dai propri obblighi nei confronti di MarketVector Indexes GmbH (“MarketVector”), Solactive AG non è tenuta a far rilevare a terze parti eventuali errori dell’Indice. Il VanEck Junior Gold Miners UCITS ETF è sponsorizzato, sostenuto, venduto o promosso da MarketVector la quale non rilascia alcuna dichiarazione in merito all’opportunità o meno di investire nel Fondo.

Informazioni importanti

Esclusivamente per scopi informativi e pubblicitari.

Queste informazioni sono redatte da VanEck (Europe) GmbH che è stata nominata distributore dei prodotti VanEck in Europa dalla Società di gestione VanEck Asset Management B.V., costituita ai sensi della legge olandese e registrata presso l'Authority for the Financial Markets (AFM) dei Paesi Bassi. VanEck (Europe) GmbH con sede legale in Kreuznacher Str. 30, 60486 Francoforte, Germania, è un fornitore di servizi finanziari regolamentato dall'Ente federale tedesco di vigilanza dei servizi finanziari (BaFin). Le informazioni contenute in questo commento hanno l'unico scopo di offrire agli investitori indicazioni generiche e preliminari e non costituiscono in alcun modo consulenza d'investimento, legale o fiscale. VanEck (Europe) GmbH e le sue affiliate (congiuntamente "VanEck") declinano ogni responsabilità relativamente decisioni d'investimento, disinvestimento o di mantenimento delle posizioni assunta dall'investitore sulla base di queste informazioni. Le opinioni e i pareri espressi sono quelli degli autori, ma non corrispondono necessariamente a quelli di VanEck. Le opinioni sono aggiornate alla data di pubblicazione e soggette a modifiche in base alle condizioni del mercato. Alcune dichiarazioni contenute nel presente documento possono costituire proiezioni, previsioni e altre indicazioni prospettiche che non riflettono i risultati effettivi. Le informazioni fornite da fonti terze sono ritenute affidabili e non sono state sottoposte a verifica indipendente per accertarne l'accuratezza o la completezza, pertanto non possono essere garantite. Tutti gli indici menzionati sono studiati per misurare i settori e le performance di mercato comuni. Non è possibile investire direttamente in un indice.

Tutte le informazioni sulle performance sono storiche e non costituiscono garanzia di risultati futuri. L'investimento è soggetto a rischi, compreso quello di perdita del capitale. Prima di investire, è necessario leggere il Prospetto e il documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID).

Nessuna parte di questo materiale può essere riprodotta in alcuna forma né citata in un’altra pubblicazione senza l’esplicita autorizzazione scritta di VanEck.

© VanEck (Europe) GmbH