Investire in obbligazioni

L'investitore ha un'ampia gamma di opportunità da prendere in considerazione e quella di investire in obbligazioni è una scelta frequente. Nell'ambito della nostra serie di articoli dedicati all'investimento per principianti, esaminiamo in questa sede che cos'è un'obbligazione, le diverse tipologie di obbligazioni, i rischi del mercato obbligazionario e le modalità d'investimento. In questo articolo tratteremo i seguenti argomenti:

  1. cos'è un'obbligazione?
  2. tipologie di obbligazioni
  3. cos'è il mercato obbligazionario e come investire in obbligazioni?
  4. quali sono i vantaggi e i rischi di investire in obbligazioni?
  5. come interpretare i giudizi sul merito di credito?
  6. in che modo le obbligazioni remunerano l'investitore?
  7. come influiscono sulle obbligazioni gli attuali tassi d'interesse estremamente bassi?
  8. come configurare un portafoglio con le obbligazioni?

Allora, iniziamo.

Cos'è un'obbligazione?

Quando si acquistano azioni, si acquisisce una piccola quota della società interessata. Investire in obbligazioni significa, sostanzialmente, prestare denaro a una società, un governo o un'organizzazione che rimborserà il capitale più l'interesse.

Cos'è un'obbligazione e come funziona
Fonte: VanEck.

Un'obbligazione è un titolo di debito negoziabile, mentre un'azione è un titolo azionario. Una società, un governo o un'organizzazione che riceve un prestito emette in cambio un titolo di debito: l'obbligazione. L'emittente può decidere di vendere il titolo di debito a una terza parte che acquisisce il diritto al pagamento degli interessi e al rimborso del capitale investito.

La maggior parte delle obbligazioni ha un tasso di interesse fisso, detto cedola. Gran parte delle obbligazioni prevede una scadenza specifica per il rimborso del capitale. Vi sono obbligazioni a breve termine, che in genere devono essere rimborsate in cinque anni o meno; obbligazioni a medio termine, che solitamente devono essere rimborsate in 5-12 anni; e obbligazioni a lungo termine che prevedono scadenze fino a 30 anni o più.

Tipologie di obbligazioni

Sono diverse le tipologie di obbligazioni che è possibile acquistare, tra cui:

titoli di Stato

Si tratta, come indica il nome, di obbligazioni emesse da un governo. Ad esempio, il governo degli Stati Uniti emette titoli del Tesoro (Treasury) con una scadenza compresa tra 10 e 30 anni. Le obbligazioni governative sono in genere le emissioni più sicure in quanto sono garantite da uno Stato. Ovviamente, alcuni governi sono più stabili di altri e, di conseguenza, le obbligazioni dei mercati emergenti e di frontiera possono essere più rischiose di quelle emesse da mercati maturi come Stati Uniti, Giappone e Regno Unito.

Obbligazioni corporate

Si tratta semplicemente di un titolo di debito emesso da una società. Una società che abbia bisogno di fondi o di capitale potrebbe emettere obbligazioni. Il rischio di investire in obbligazioni corporate dipende dallo stato di salute generale della società, che solitamente coincide con il rating della sua obbligazione, un argomento che sarà affrontato nel prosieguo di questo articolo.

Obbligazioni ipotecarie

Si tratta di obbligazioni garantite da posizioni immobiliari. Poiché l'emittente delle obbligazioni ha la possibilità di vendere la proprietà o l'immobile, se necessario, il rischio di investire in obbligazioni ipotecarie può essere inferiore a quello delle obbligazioni societarie. Naturalmente, quando il rischio è inferiore anche i rendimenti sono in genere più bassi, inoltre, come tutti ricordiamo, le obbligazioni ipotecarie non erano un investimento particolarmente sicuro durante la crisi immobiliare del 2008, quando molte obbligazioni erano garantite da mutui ad alto rischio, noti come mutui subprime.

Cos'è il mercato obbligazionario e come investire in obbligazioni?

Gli investitori possono approfittare di opportunità che si presentano nel mercato azionario od obbligazionario, ossia nei mercati dove questi titoli sono venduti o emessi. Nel mercato azionario ci sono diverse borse valori in cui si acquistano e vendono azioni, ad esempio il New York Stock Exchange, l'American Stock Exchange, il Nasdaq e altre.

Per le obbligazioni, invece, il luogo dove si acquistano i titoli di debito è il mercato obbligazionario. Solitamente, per investire in obbligazioni gli investitori ricorrono a un broker o a una società di intermediazione online. In genere, per investire in obbligazioni è richiesto un importo minimo elevato, il che può scoraggiare alcuni investitori.

Se invece si decide di investire in obbligazioni tramite un fondo comune d'investimento o un ETF (exchange-traded fund) l'importo minimo dell'investimento può essere più contenuto. Il fondo o l'ETF, inoltre, conterranno numerose obbligazioni, diversificando l'investimento; ciò significa che questi strumenti sono relativamente meno rischiosi rispetto all'acquisto di obbligazioni di un solo soggetto.

Quali sono i vantaggi e i rischi di investire in obbligazioni?

In genere, il principale vantaggio delle obbligazioni è che sono relativamente meno rischiose delle azioni (partecipazioni azionarie). In caso di fallimento, una società deve rimborsare innanzitutto gli obbligazionisti e i creditori, e solo successivamente gli azionisti.

Naturalmente, questa minore rischiosità ha anche uno svantaggio: il premio per il rischio correlato alle obbligazioni è inferiore e, di conseguenza, nel lungo termine il ritorno previsto è minore di quello delle azioni. Ciò significa che se una società va bene, i ritorni offerti dall'obbligazione non saranno probabilmente così elevati come quelli delle azioni. Le obbligazioni pagano un tasso d'interesse fisso, mentre il valore delle azioni cresce all'aumentare del valore della società.

Illustriamo di seguito i principali rischi delle obbligazioni.

Rischio di credito

È il rischio che l'emittente non restituisca una parte del capitale investito e/o non proceda al pagamento delle cedole (pagamento degli interessi). Spesso si ritiene che le obbligazioni governative presentino un rischio di credito inferiore a quello delle obbligazioni corporate, in quanto un governo può aumentare le proprie imposte qualora abbia bisogno di più capitale. Tuttavia, se guardiamo al passato troviamo molti esempi in cui i governi non hanno ripagato (per intero) le proprie obbligazioni. Questo rischio è notevolmente maggiore nei mercati emergenti.

Rischio di tasso d'interesse

È il rischio che il valore dell'obbligazione diminuisca quando i tassi d'interesse di mercato aumentano. Il valore di un'obbligazione con una cedola fissa (tasso d'interesse fisso) varia in modo inversamente proporzionale ai tassi d'interesse. Il motivo è che quando il tasso d'interesse di mercato aumenta gli investitori possono ottenere una nuova obbligazione con una cedola superiore. Ciò riduce automaticamente il valore delle obbligazioni in circolazione con una cedola inferiore. Per contro, il valore di un'obbligazione a reddito fisso aumenta quando i tassi d'interesse di mercato scendono.

Rischio di tasso d'interesse: Il prezzo ha una relazione inversa rispetto all'andamento dei tassi. I tassi scendono e il prezzo sale, e viceversa

Fonte: VanEck. Il dato prende in considerazione esclusivamente l'impatto dei livelli dei tassi d'interesse di mercato sul prezzo dell'obbligazione e non tiene conto di altri criteri che, eventualmente, potrebbero influire negativamente sul prezzo dell'obbligazione.

Vediamo un semplice esempio. Supponete di investire in obbligazioni che offrono un tasso d'interesse dell'1% e che tale tasso sia in linea con le attuali quotazioni di mercato. Se i tassi d'interesse di mercato aumentano all'1,5%, sarà possibile investire in obbligazioni che fruttano l'1,5% e che, alla scadenza, renderanno di più del titolo che avete comprato per il solo fatto che i tassi d'interesse sono saliti. Sebbene il mercato obbligazionario sia un po' più complicato di così, l'esempio spiega in parole semplici l'effetto dei tassi d'interesse sul valore dell'investimento.

Rischio di cambio

Gli investitori che acquistano obbligazioni emesse in una valuta straniera si assumono il rischio di cambio. Si supponga di investire in obbligazioni denominate in dollari e che si registri un aumento del valore dell'euro rispetto al dollaro. In tal caso, il valore dell'investimento, espresso in euro diminuisce. Naturalmente, il rischio è presente in entrambe le direzioni. Se il valore dell'euro dovesse diminuire, quello delle obbligazioni denominate in dollari aumenterebbe.

Come interpretare i giudizi sul merito di credito?

Per aiutare gli investitori a prendere le decisioni migliori per i propri portafogli, le obbligazioni sono valutate da agenzie di credito quali Standard and Poor’s, Fitch e Moody’s che stimano il rischio di credito di alcune obbligazioni. Tale stima è riassunta in un punteggio: AAA rappresenta il merito di credito più elevato; C e D le valutazioni più basse (le obbligazioni che rientrano in questa fascia di rating sono spesso indicate come "titoli spazzatura"). Ma attenzione: in passato, società con meriti di credito solidi hanno dichiarato fallimento. Pertanto, le agenzie di rating non sono depositarie della verità!

swipe
Rating Fitch S&P Moody's Descrizione (Moody's)
Investment grade AAA AAA Aaa Rischio di credito minimo
AA+
AA
AA-
AA+
AA
AA-
Aa1
Aa2
Aa3
Rischio di credito molto basso
A+
A
A-
A+
A
A-
A1
A2
A3
Rischio di credito basso
BBB+
BBB
BBB-
BBB+
BBB
BBB-
Baa1
Baa2
Baa3
Rischio di credito moderato
Non-investment grade BB+
BB
BB-
BB+
BB
BB-
Ba1
Ba2
Ba3
Rischio di credito significativo
B+
B
B-
B+
B
B-
B1
B2
B3
Rischio di credito alto
CCC+
CCC
CCC-
CCC+
CCC
CCC-
Caa1
Caa2
Caa3
Rischio di credito molto alto
CC
C
CC
C
Ca In o in prossimità dello stato di insolvenza; c'è qualche possibilità che parte del prestito sia rimborsato
DDD
DD
D
SD
D
C In o in prossimità dello stato di insolvenza; ci sono scarse possibilità che parte del prestito sia rimborsato



In che modo le obbligazioni remunerano l'investitore?

È possibile ottenere un ritorno sulle obbligazioni nelle due modalità illustrate di seguito.

Rendimento cedolare:

è il ritorno ottenuto dal pagamento degli interessi periodici.

Ritorno sul prezzo:

è il ritorno ottenuto quando il valore di mercato dell'obbligazione aumenta. I motivi possono essere i seguenti:

  • Riduzione del rischio di credito dell'emittente, ad esempio a causa di un miglioramento dell'economia o di miglioramenti operativi dell'emittente oppure perché l'obbligazione sta arrivando a scadenza e quindi le possibilità di fallimento si riducono.
  • Calo dei tassi d'interesse di mercato.

Nota: come illustrato in precedenza, il ritorno sul prezzo può anche essere negativo, ad esempio, se il rischio di credito aumenta o i tassi d'interesse aumentano.

Se il rischio di credito aumenta, il ritorno sul prezzo potrebbe essere negativo. Il rischio di credito aumenta=i tassi salgono=i prezzi scendono

Fonte: VanEck. Il dato prende in considerazione esclusivamente i fattori relativi a tassi d'interesse, livello di prezzo e rendimenti obbligazionari e non tiene conto di altri criteri che, eventualmente, potrebbero influire negativamente sul prezzo dell'obbligazione.

Come influiscono sulle obbligazioni gli attuali tassi d'interesse estremamente bassi?

Ammettiamolo, questo è un periodo senza precedenti per gli investitori obbligazionari. Le obbligazioni governative denominate in euro con un merito di credito AAA e una scadenza fino a 25 anni hanno un tasso d'interesse negativo.

Rendimento di obbligazioni governative in EUR con merito di credito AAA

Rendimento di obbligazioni governative in EUR con merito di credito AAA che fruttano rendimenti negativi.
Fonte: BCE (Banca centrale europea). Dati aggiornati al 30 settembre 2020.

Pertanto, è necessario sborsare denaro se si desidera continuare a detenere in portafoglio un'obbligazione governativa in euro con alto merito di credito fino alla scadenza! Per inciso, questo non significa necessariamente che si subirà una perdita. Si potrebbe ottenere un guadagno sul prezzo se i tassi d'interesse di mercato scendessero ulteriormente e si vendesse l'obbligazione prima della scadenza.

Gli attuali tassi d'interesse estremamente bassi influiscono anche sulle obbligazioni corporate. Anche società con un elevato livello di solvibilità come Novatis hanno un tasso d'interesse negativo su determinate obbligazioni (informazioni aggiornate all'11 marzo 2021).

I ritorni maggiori si possono ottenere nei mercati emergenti. Naturalmente, tale aspetto è bilanciato da un rischio di credito maggiore e, in genere, si sarà esposti anche a un rischio di cambio. I mercati emergenti includono paesi come Messico, Russia, Cina, Brasile, India, Turchia e Indonesia.

Come configurare un portafoglio con le obbligazioni?

Se si desidera ridurre il rischio nel proprio portafoglio di investimento, si potrebbe valutare la possibilità di investire una parte del portafoglio in obbligazioni. Si potrebbe diversificare la propria allocazione obbligazionaria suddividendola tra obbligazioni governative e obbligazioni corporate e ripartendo entrambe le categorie su aree geografiche diverse.

VanEck offre obbligazioni nelle seguenti categorie:

Per ulteriori informazioni rivolgersi a VanEck: