Investire per principianti

Spesso si pensa che gli investimenti siano riservati alle persone molto ricche. Noi non siamo d'accordo. Oggi è possibile iniziare a investire a partire da poche decine di euro. Tuttavia, è essenziale comprendere le opportunità e i rischi dell'investimento. Ecco perché abbiamo creato questa pagina “investire per principianti”: per insegnare a chi inizia le basi dell'investimento.

  1. Che cosa significa investire?
  2. Perché investire per principianti?
  3. Rischi dell'investimento
  4. Investire è per tutti, anche per principianti
  5. Che categorie abbraccia investire per principianti?
  6. I possibili rendimenti per gli investitori
  7. Importanza degli investimenti diversificati
  8. Investire per principianti: un orizzonte lungo
  9. Investire a basso costo
  10. Quando iniziare a investire?
  11. Come investire? Attraverso un fondo di investimento o direttamente?

Iniziamo.

Che cosa significa investire?

Investire significa mettere in movimento il proprio denaro con l'obiettivo di ottenere un rendimento finanziario positivo. Voi avete un capitale, qualcun altro ha un'idea. Mettendo a disposizione il vostro denaro (temporaneamente), questa idea potrebbe essere realizzata. È dunque probabile, sebbene non possa essere assicurato, che successivamente riceviate una ricompensa finanziaria per il rischio che correte.



Perché investire per principianti?

Forse volete smettere di lavorare prima? O mettere da parte dei soldi per i tempi incerti? O lasciare qualcosa ai vostri figli o nipoti? In linea di massima, avete due possibilità: o li depositate in banca, per ottenere interessi di risparmio, o li investite. Il risparmio ha un grande vantaggio: il rischio è piuttosto contenuto. Tuttavia, i tassi di interesse al momento sono ancora relativamente bassi rispetto a medie storiche. Quando si investe, si potrebbero realizzare dei rendimenti. Tuttavia, ciò è compensato dai rischi in cui si incorre investendo in ETF. Cliccate qui per maggiori informazioni su risparmio, investimento e rischi nella sezione dedicata dell’ETF Academy.



Rischi dell'investimento

Investire è rischioso. I prezzi fluttuano e potreste perdere parte o addirittura tutto il vostro investimento. Tuttavia, è possibile limitare questi rischi. I modi più importanti sono:

  • Diversificare gli investimenti su diverse classi di attività.
  • Scegliere un orizzonte di investimento lungo.
  • Investire a costi contenuti.
  • Astenersi dall'investire con prodotti a leva o comunque utilizzando denaro preso in prestito, i quali hanno rischi spesso molto elevati e poco trasparenti.

Aderendo a questo principio, si diventa investitori a lungo termine e non speculatori. Specialmente coloro che rientrano nella categoria principianti dovrebbero attenersi a queste chiare e semplici regole. Cliccare qui per maggiori informazioni sui rischi nella nostra sezione dedicata ETF Academy.



Investire è per tutti, anche per principianti

Normalmente, sono soprattutto le famiglie più ricche a investire. È un peccato. Proprio perché investire può portare a rendimenti interessanti nel lungo periodo. Riteniamo che sia importante rendere gli investimenti accessibili a tutti. Ecco perchè cerchiamo di concentrare in questa pagina investire per principianti utili e semplici concetti per iniziare.



Che categorie abbraccia investire per principianti?

È disponibile un'intera gamma di categorie di investimento. In pratica, investire per principianti annovera le seguenti categorie tra le più comuni:



I possibili rendimenti per gli investitori

Qual’ è il rendimento che ci si può aspettare dai propri investimenti? La nostra risposta è che non lo sappiamo e nessun’altro lo sa. È il rischio che si corre che ci puó premiare. Sebbene i rendimenti passati non siano una garanzia di quelli futuri, può essere interessante esaminare i rendimenti storici per classe di attività. Secondo una ricerca accademica1, negli Stati Uniti i rendimenti nominali annuali per il periodo 1928-2021 sono stati i seguenti2:

  • Azioni: 11.82%
  • Titoli di Stato: 3.33%%
  • Beni immobili: 4.36%

È possibile che i rendimenti siano più bassi in futuro, ma questo non si puó sapere con certezza:

  • L'attuale obiettivo di inflazione della BCE è inferiore all'inflazione storica.
  • Gli attuali tassi d'interesse, sebbene in rialzo, sono ancora bassi rispetto alle medie storiche andando così a comprimere i rendimenti obbligazionari.


Importanza degli investimenti diversificati

Quando si investe, si può perdere l'intero investimento. In pratica, questo rischio è reale solo per chi investe in modo molto concentrato, ad esempio in uno o pochi titoli dello stesso settore. Diversificando, si può ridurre il rischio senza necessariamente perdere il rendimento. A tal fine, è necessario investire in diversi prodotti:

  • Categorie di investimento
  • Paesi
  • Industrie
  • Aziende o governi

La diversificazione è dunque un argomento molto importante, specialmente alla luce del tema di questa pagina.



Investire per principianti: un orizzonte lungo

Poiché i prezzi sono volatili, sarebbe meglio rimanere investiti a lungo. Sarebbe un peccato entrare quando i prezzi sono alti e uscire quando sono bassi. Alcuni investitori acquistano per l'eternità, con l'obiettivo di trasmettere il proprio portafoglio dopo la morte. Aggiungendo titoli al loro portafoglio, aumentano il flusso di dividendi annuali. Questi dividendi possono ad esempio essere utilizzati per spese e consumi quotidiani. Anche il tema dividendi viene trattato nel dettaglio in una specifica sezione della nostra ETF Academy.



Investire a basso costo

È importante tenere a mente che i costi di investimento possono ridurre in modo significativo i rendimenti. Purtroppo, alcuni gestori sono molto bravi a creare prodotti di investimento costosi con spese poco trasparenti. Dunque, fare attenzione alle scritte in piccolo rientra tra i dettagli a cui bisogna fare attenzione per investire, specialmente quando si é principianti.



Quando iniziare a investire?

C'è un momento giusto per entrare? E quando uscire? Ci sono innumerevoli gestori che dimostrano con simulazioni storiche che il loro metodo porta a risultati fantastici. Tuttavia, poche, se non nessuna, di queste metodologie hanno dimostrato di funzionare in modo costante anche in futuro. Pertanto, sarebbe bene non "cronometrare il mercato", ma rimanere investiti per un lungo periodo. L'ingresso graduale, ad esempio con un importo fisso al mese, riduce la possibilità di investire l'intero capitale nel momento in cui i mercati azionari sono alti.



Come investire? Attraverso un fondo di investimento o direttamente?

Per gli investitori alle prime armi, i fondi d'investimento offrono notevoli vantaggi rispetto all'acquisto diretto di titoli:

  • In generale, è più probabile avere un portafoglio di investimenti diversificato.
  • Potete investire in paesi o settori che potrebbero essere più difficili da acquistare direttamente.

Ma attenzione ai costi! Gli ETF sono fondi d'investimento relativamente a basso costo. Per saperne di più, consultate la nostra ETF Academy.



1 Aswath Damodaran, NYU Stern School of Business, “Historical Returns on stocks, bonds and bills: 1928-2021”, Gennaio 2022.
https://pages.stern.nyu.edu/~adamodar/New_Home_Page/datafile/histretSP.html

2 I rendimenti nominali si riferiscono ai rendimenti SEC, prima dell'inflazione. L'aumento reale del valore è minore, a causa dell'inflazione.

Le azioni sono rappresentate dall’S&P 500, i Titoli di Stato da Treasury Bills di 3 mesi americani, i beni immobili dall’indice Case-Shiller calcolato sulle proprietà residenziali.

Attenzione: questi numeri si riferiscono a un periodo molto lungo, quasi 100 anni. Ci sono molti periodi in cui i rendimenti sono stati negativi. Inoltre, i rendimenti sopra sono al lordo dei costi. Inoltre le obbligazioni hanno beneficiato di un prolungato periodo di calo dei tassi d'interesse.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a VanEck: